Come è noto nelle diverse città la proporzione tra valore reale e catastale è molto variabile. Considerata anche la scarsa attendibilità della dichiarazione dei redditi quale indice di ricchezza, non sarebbe più logico ancorare la tassazione al valore reale, conservando la franchigia in metri quadri come era nell’Ici?