Il comma 728 dell’articolo 1 della legge di stabilità per l’anno 2014 prevede che, in caso di insufficiente versamento della seconda rata 2013, la differenza può essere versata entro il 16 giugno 2014, senza sanzioni e interessi. La norma è applicabile anche all’omesso versamento? In particolare, una società proprietaria di immobili merce ristrutturati ha omesso di pagare il saldo 2013 ignorando che l’agenzia delle Entrate aveva precisato che l’esenzione era applicabile solo a lavori ultimati: la società può pagare entro il 16 giugno 2014 senza sanzioni e interessi?