Per la seconda casa, su «Il Sole-24 Ore» di sabato 18 maggio a pagina 10, si afferma che l’acconto andrà versato «solo al Comune con codice tributo 3918»; altri sostengono che l’acconto va versato sia al Comune impositore competente sia all’erario. Chi ha ragione?