L’uso abusivo dell’identità digitale, in cui rientrano la chiavetta o il pin connessi al conto corrente, costiruisce un aggravante della frode informatica